AMA - BiografiaAnna Maria Dolores Allegretti (Forlì, 3 maggio 1991) è una cantautrice, polistrumentista bolognese.

AMA, figlia di Gloria Dardani (7 giugno 1959, Torino) e Antonio Allegretti (15 aprile 1945, Foggia), cresce insieme al fratello maggiore Carmine Allegretti (11 giugno 1989, Forlì) in un mondo di musica. Antonio Allegretti, cantautore e polistrumentista, trasmette sia a lei che al fratello Carmine, l'amore per la musica.

I suoi primi contatti con la musica furono all'età di quattro anni, quando in casa Allegretti si creavano vere e proprie "Jam Session" tra padre, figlia, il fratello Carmine e il fratello più grande Domenico, anch'esso cantante chitarrista e tastierista.
Per AMA la musica è sempre stata puro divertimento e sperimentazione continua.

All'età di sei anni inizia a suonare il pianoforte da autodidatta, interpretando brani dei Beatles, Gino Paoli e Riccardo Cocciante. A undici anni inizia a studiare pianoforte con la Maestra Paola Del Verme, presso la scuola comunale di Medicina (BO), il suo paese. Qui intraprende lo studio della musica classica.
Due anni dopo si iscrive al corso di canto lirico e qui avrà il primo approccio didattico con la sua voce e il canto, la sua vera grande passione; sarà l'insegnante di canto Sathomi Yanagibashi a farla appassionare all'operetta, un genere totalmente nuovo.

AMA con i Vigor-SolNel frattempo diventa tastierista e cantante di una band emergente chiamata "Vigor-Sol", con la quale partecipa a vari concorsi come il "Festival Delle Arti" e il "Bologna Music Festival". Un progetto che Anna porta avanti fino all'età di quindici anni, dopodiché sceglie di lasciare il gruppo e dedicarsi principalmente al canto, alle sue canzoni e ad altre situazioni musicali.
Inizia così a studiare canto dall'insegnante Cosetta Camanzi, dove perfeziona la tecnica vocale. Grazie a Cosetta, nel Giugno del 2006 entra a far parte della sezione di coriste di Andrea Mingardi, nell'evento internazionale "Musicultura" che viene svolto tutti gli anni come consuetudine allo sferisterio di Macerata. Per Anna, ai tempi giovanissima, fu uno dei primi impatti da professionista nel mondo dello spettacolo.

AMA con l'Orchestra di Omar LambertiniNel 2007, all'età di sedici anni entra a far parte come tastierista/cantante presso l'orchestra di Omar Lambertini, cantautore, musicista e anche lui medicinese (BO). Ai tempi Omar era semplicemente un conoscente, anni dopo prese un ruolo decisamente più significativo, come compagno di vita, produttore artistico e discografico.
Nell'orchestra di Omar, Anna impara un mestiere: la Cantante. Si esibisce quasi tutti i giorni: lunghi viaggi e trasferte; ogni sera palchi diversi, pubblici diversi; la vita che Anna ha sempre sognato.
Contemporaneamente alle trasferte con l'orchestra, frequenta l'Istituto Alberghiero Professionale per diventare receptionist, perfeziona lo studio del pianoforte, del canto e dell'interpretazione prendendo lezioni private da Andrea Mazzacavallo, cantautore, musicista e attore vicentino.
Successivamente, Anna viene a conoscenza di un'insegnante di canto che le stravolse positivamente tutti gli schemi: Gloria Bonaveri, cantautrice, vocal coach, interprete bolognese.
Insieme a lei, scopre la sua vera voce, impara a conoscere il suo suono e la capacità interpretativa nel raccontare storie in musica.
Nel frattempo continua la sua esperienza in orchestra con devozione e apprende molto, soprattutto grazie alla severità e disciplina che Omar pretende da tutti i suoi musicisti e collaboratori; a maggior ragione da lei, su cui Omar ha scommesso fin dal primo giorno.
Tre anni dopo, Anna lascia l'orchestra di Omar Lambertini per fare nuove esperienze.

AMA con Armando Savini (a sinistra) e Maurizio Guzzinati (a destra)Nel 2012 entra a far parte di varie formazioni, come quelle di Armando Savini e, successivamente, di Maurizio Guzzinati, un'orchestra da ballo bolognese dove Anna è l'unica voce femminile nonché leader.
Per lei è una grande scuola, sia perché mette a dura prova il suo temperamento vocale, spingendola a cantare per tre o quattro ore a serata, sia grazie alla maestra di canto di quell'epoca, l'insegnante Erica Biavati.

AMA con l'Orchestra Moreno il Biondo e il Grande EventoNel 2013 riceve una proposta di lavoro da Moreno il Biondo, ex leader dell'orchestra Casadei, che sta cercando una voce femminile da inserire nella sua nuova orchestra: il "Grande Evento", formata da storici musicisti della tradizione romagnola come Mauro Ferrara, Fiorenzo Tassinari e Walter Giannarelli.
Anna, per cinque anni avrà l'occasione di cavalcare palchi importanti come il "Pala de André" di Ravenna, dove, nel Giugno 2015, si esibirà con l'orchestra sinfonica "Cherubini" di Riccardo Muti, diretta dal Maestro Giorgio Babbini; e canterà in occasione del festival internazionale "Ravenna Festival", nel concerto "Secondo a nessuno". Un'emozione fortissima anche se molto lontana dal suo background musicale.
Nel corso dei cinque anni al fianco di Moreno, Anna impara a conoscere e ad apprezzare un nuovo genere di musica: il liscio romagnolo; un mondo tutto da scoprire.

Nel 2016 interpreterà "Ciao Mare" con eXtraLiscio e Goran Bregovic, durante l'evento "La notte del Liscio", a Rimini. Sempre nello stesso anno, partecipa allo "Sponz Festival", di Vinicio Capossela, sempre con eXtraLiscio (progetto musicale fondato da Mirco Mariani, batterista arrangiatore di Vinicio Capossela e Moreno il Biondo).

AMA con la sua OrchestraSono stati tanti gli eventi significativi per il percorso formativo di Anna, indubbiamente molto importanti gli sviluppi discografici maturati nel corso degli anni, dove l’unione con Omar li ha portati a scrivere canzoni e a inventare. Una speciale unione sentimentale e musicale, più unica che rara.
Nel 2011 Omar sceglie di fondare la sua etichetta: la "Suonami Edizioni Musicali e Discografiche", una scelta molto coraggiosa per quei tempi. Ma la tenacia di Omar lo ha portato a riscuotere grandi consensi e stima da parte del pubblico e dei suoi collaboratori artistici. Quindi Anna, al fianco di Omar, apprende anche strategie editoriali e scopre una nuova dote come autrice.

Fin da ragazzina, Anna scriveva canzoni, ma solo dopo una certa maturità personale e musicale inizia ad assaporare la meravigliosa soddisfazione che si prova a scrivere canzoni per altri interpreti.

Alla ricerca di continue ispirazioni, ha anche dei momenti di crisi che poi supera con nuovi stimoli ed esperienze.

Scrive canzoni per altri, ma anche per sé stessa. Nel 2015 ottiene ottimi consensi con "Dolcemente indispensabile", la canzone che diede il titolo proprio all'album d'esordio. E "Dolcemente indispensabile" è proprio tra i brani tuttora più richiesti ed eseguiti.

A consolidare la sua popolarità è stato il brano "Maria del sol", una storia vera sul tema della prostituzione e dello sfruttamento delle donne, raccontata a ritmo di bachata, mantenendo le sonorità e il sapore originale dell'America Latina.

Anna Maria Allegretti Libera HDNell'estate del 2017, Anna sente il bisogno di fare una cosa tutta sua, di raccontarsi nella sua vera personalità artistica e vocale. Così, insieme a Omar e al fratello Carmine, nasce "Libera", che dà il titolo a una sua prima raccolta di canzoni scritte da lei per altri cantanti. Un disco di transizione che rappresenta il cambiamento che stava avvenendo nella vita di Anna, sia personale che lavorativa.

Sceglie così di abbandonare, dopo cinque anni, l'orchestra di Moreno il Biondo, per proseguire la sua strada, questa volta da solista, aprendo un'orchestra tutta sua.

Anna Maria Allegretti AMA HDCon un piede nel passato e lo sguardo nel futuro, nel 2018 arriva l'album "AMA", il primo lavoro discografico a rappresentarla nella sua sensibilità ed energia. Questo, per AMA non è un arrivo ma un vero punto di partenza.

Anna Maria Allegretti ControventoNel 2019, esce l'album "Controvento"...

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"